CROLLO BORSE: TUTTO QUELLO CHE NON TI DICONO

CROLLO BORSE

“Se è vero che uno ha il sacrosanto diritto di investire sulle criptovalute come meglio crede, sarebbe perlomeno saggio farlo con una porzione minuscola del proprio capitale.” (Andrea Unger)

Crollo delle borse. Questo è lo spauracchio che i giornali e i mass media diffondono ogni volta che i prezzi degli indici azionari scendono anche solo di un 5% dai loro massimi.

Molti investitori inesperti purtroppo si fanno influenzare troppo da quello che dicono i mezzi d’ informazione.

Come insegnano i migliori esperti finanziari del mondo, come per esempio Peter Mallouk e Anthony Robbins nei loro libri che trovi alla fine di questo articolo, l’ obiettivo dei mass media è solo quello di fare audience per vendere spazi pubblicitari.

Sei pronto a capire come preparati ai crolli delle borse e cosa fare quando accadono?

Ottimo, allora iniziamo!

Non temere un crollo delle borse

Da tempo molti avvertono di un probabile, e pesante, crollo imminente delle borse e di come questo sarà simile per intensità al crollo del martedì nero del 1929.

Per chi ha qualche anno di esperienza nei mercati finanziari, questo terrorismo finanziario del allarmare di eventuali crolli delle azioni è una cosa piuttosto frequente.

Basti pensare che anche lo stesso Robert Kiyosaki, molto spesso ha lanciato avvertimenti di un’ apocalisse dei mercati finanziari. In questo grafico puoi vedere che anche l’ autore del bestseller “Padre Ricco Padre Povero” non ha, come facilmente intuibile, la dote di prevedere il futuro.

Ovviamente nessuno può prevedere il futuro e quindi non prestare attenzione a coloro che diffondono messaggi di terrore allo scopo di metterti paura.

Il prossimo crollo delle borse non sarà un armageddon

E’ vero che i mercati finanziari negli ultimi decenni sono molto cresciuti.

Inotre è anche vero che alcune azioni hanno dei multipli di bilancio molto alti, questo è innegabile.

Ma è anche vero che gl’ indici azionari mondiali hanno sempre recuperato e superato i propri massimi storici.

Considera che, in media, i mercati azionari ogni anno scendono di almeno il 10% dai propri massimi storici e almeno una volta ogni 5 anni di oltre il 25% dai loro prezzi massimi. Ma cosa succede dopo?

Puntualmente, dopo delle discese dei prezzi, gl’ indici azionari internazionali segnano sempre dei nuovi massimi. Questo, come ci ricorda anche Ennio Doris, c’ insegna la storia! Con buona pace di tutte le cassandre di turno.

L’impatto delle tasse sul crollo dei mercati

Gl’ investitori inesperti, vittime del terrorismo finanziario, spesso vanno a vendere le proprie azioni. Vedendole crescere, sopra il prezzo a cui hanno venduto, negli anni successivi. Come se già non bastasse, c’ è un altro problema.

Le eventuali plusvalenze, cioè quello che viene chiamato capital gain, in Italia vengono tassate al 26%. D’ altra parte chi invece vende in perdita va a cristallizzare le proprie minusvalenze. Degli scenari da evitare assolutamente se si vuole cercare di massimizzare i propri guadagni.

Infatti anche se chiudi un’ operazione in profitto, facciamo l’ esempio di 1000 euro di plusavalenza e paghi 260 euro di tasse sul capital gain, non puoi utilizzare i soldi che hai pagato in tasse per sfruttare la magia dell’ interesse composto.

E se invece si compra a prezzi più alti?

Come abbiamo visto, dopo un crollo dei propri prezzi, gl’ indici azionari internazionali recuperano e superano i propri massimi storici.

Quindi corri il rischio, se ti fai prendere dalla paura e aspetti che finisca il terrorismo finanziario sui mass media, di ricomprare a prezzi più alti. Esattamente quello che non si deve fare se si vogliono guadagnare dei soldi con i propri investimenti azionari.

Ogni volta che ti trovi in un momento di crollo delle borse, ti ricordo di pensare a questa frase di Warren Buffett: “Si deve avere coraggio, quando gli altri hanno paura!“.

Prepararsi a un crollo dei mercati

Ogni investimento, per definizione, ha sempre dei rischi intrinseci.

I dilettanti della finanza credono che qualcuno abbia la capacità di prevedere il futuro e, di volta in volta, si affidano al guro di turno.

Sebbene esistono delle metodologie, derivanti dalle discipline del value investing e dei trading systems, in grado d’ indicare delle probabilità che qualcosa costi troppo.

Non esiste nessuna persona e nessuna tecnica in grado di prevedere il futuro. Se volete smentirmi, mandateci una email con i sei numeri che saranno estratti nella prossima estrazione del Superennalotto. Saremo molto felici di essere smentiti!

Qualora non si abbia un’ alta tolleranza al rischio e i vostri investimenti non vi fanno dormire la notte, allora vi consigliamo di rivedere la vostra asset allocation.

In alternativa andate a contattare un consulente finanziario iscritto all’ Albo, oppure andando a leggere i nostri post su: Ray Dalio, Luca Lixi, Giorgio Pecorari, Davide Marciano, Big Luca e Alessandro Moretti. Questa non è una marchetta, le persone che vi abbiamo citato non ci danno un centesimo per scrivere su di loro.

Se invece vuoi investire in autonomia, una strategia psicologica interessante è quella d’ investire in modo scaglionato nel tempo attraverso un piano di accumulo.

Una banca che vi permette di fare dei piani di accumulo con gli etf è Fineco Bank con il suo piano replay. Anche qui ricordiamo che, ovviamente, neanche Fineco ci paga. Qui a Kibofin siamo indipendenti al 100%, non abbiamo dei conflitti d’ interesse e quello che vi diciamo è solo per il vostro bene.

Se state in una fase di accumulo di capitale: approfittate di un crollo delle borse

Se vi mancano molti anni prima della pensione e state accumulando e facendo crescere il vostro patrimonio, dovete cercare d’ investire il più possibile durante un crollo dei mercati.

Storicamente, essere coerenti con la propria strategia d’ investimento, oltre ad essere un segno di maturità,  è anche uno dei metodi più corretti per raumentare i rendimenti degli investimenti a lungo termine.

Per esempio chi ha comprato durante i crolli del 2000, 2008 e 2020 ha vuto delle grandissime soddisfazioni a livello economico.

Ovviamente può essere doloroso vedere scendere il proprio patrimonio, soprattutto se improvvisamente e con grande intensità, ma è proprio in quei momenti che dovete tenere duro e se potete incrementare i vostri investimenti.

Una frase appartenente a un esponente della famiglia Rothschild, da imprimere nella vostra mente è questa: “Comprate quando c’ è il sangue che scorre sulle strade, anche se una parte di quel sangue è il vostro!“.

So che adesso qualcuno di voi penserà al complotto ebraico e cavolate simili, bè considerate che anche alcune persone che collaborano a Kibofin sono di origine ebraica. Quindi se siete degli antisemiti, andatevene subito da questo sito e non fate più ritorno!

La morale della frase dell’ eponente della famiglia Rothschild è che, pagare prezzi più bassi, quando il mercato subisce un crash, andrà ad esaltare i rendimenti futuri dei propri investimenti.

Se stai in pensione o stai per andarci: preparati al crollo delle borse

Quando ci si sta avvicinando in una situazione in cui, sta per finire la fase di accumulo di capitale e sta per iniziare la fase di vivere di rendita, ovviamente la situzione è leggermente diversa.

Infatti, in questa situzione specifica, la gestione del rischio ha una maggiore priorità rispetto alla crescita del proprio capitale. Per esempio andando ad approfondire i concetti alla base del money management e dell’ asset allocation.

Se fai parte di questa casistica, in cui vuoi vivere di rendita dai tuoi investimenti, ti devi preparare psicologicamente e finanziariamente a un grande crollo dei prezzi del mercato.

Un modo per prepararti è quello di aggiungere al tuo portafoglio degli asset che, storicamente e statisticamente, hanno una volatilità inferiore rispetto alle azioni, alle criptovalute e agli investimenti immobiliari.

Degli strumenti finanziari che potresti valutare sono i seguenti: titoli di stato di paesi solidi, obbligazioni governative, certificati di deposito, strumenti vari a capitale garantito.

La mancata messa in atto di un piano finanziario ben congegnato quando si entra in questa fase della vita potrebbe comportare un importante aggiustamento durante il pensionamento.

Tuttavia, cerca sempre di avere una esposizione agli strumenti azionari, magari utilizzando etf e rispettando il concetto della diversificazione a 7 dimensioni.

Infatti le azioni sono state, nel corso della storia, uno degli strumenti migliori per proteggersi dal rischio dell’ inflazione e per aumentare i propri guadagni.

Cosa fare durante un crollo delle borse

La prima cosa che si deve fare è quello di rimanere calmi e di seguire il prcesso che ti spiegheremo nei prossimi paragrafi.

Analizza i trend a lungo termine

Guarda sempre lo scenario complessivo, non farti intrappolare da quello che sta succedendo nel breve termine.

Infatti dovresti sempre tenere in considerazione i megatrend a lungo termine e i rendimenti medi di lungo periodo delle asset class dove stai investendo.

Sappiamo per esperienza che sopportare la volatilità a breve termine non è una cosa banale, ma è necessario se vuoi passare dallo status d’ investitore dilettante a quello di professionista.

Il segreto è quello di vedere i rendimenti storici e ricordarti del fatto che i prezzi delle tue asset class, in futuro, saranno maggiori di quelli che vedi adesso.

A tal proposito ti suggeriamo di studiare attentamente le statistiche presente nel seguente bestseller di Jeremy Siegel: “Stocks for the Long Run“.

Ricorda a te stesso che è probabile una veloce ripresa dei prezzi

Prendiamo ad esempio il crollo dei mercati azionari d’ inzio 2020.

Chi ha resistito alle sirene terroristiche dei mass media e ha saputo tollerare la violenta volatilità di quel periodo, ne ha avuto dei grandi benefici economici nei propri investimenti.

Quindi, quando arriva un crollo e il mercato azionario sta perdendo, e mentre il valore del tuo portafoglio precipita, ricorda a te stesso che probabilmente ci sarà una ripresa.
Non vendere mai durante i crolli.

Durante le varie discese dei prezzi, ricorda a te stesso che probabilmente ci sarà un recupero veloce dei prezzi e, se riesci a resistere e magari ad investire nuovo capitale, hai la possibilità avvantaggiarti anche dai crolli più forti.

Considera i crolli come una opportunità di fare affari

Un altro modo per mantenere la calma durante un crollo del mercato azionario è, fermarti e pensare allo shopping mentre qualcosa è in vendita durante i saldi.

È piuttosto normale guardare agli sconti quando devi fare un’ acquisto, almeno così suggeriscono i seguenti esperti del risparmio e del budgeting: Dave Ramsey, Suze Orman e il leggendario Francesco Narmenni. Anche loro, come tutti gli altri che citiamo, non ci danno un centesimo per parlare di loro.

Che si tratti di un etf o di un singolo titolo azionario, hai la possibilità di acquistare più quote a un prezzo inferiore. Se investi durante i crolli, dopo il rimbalzo dei prezzi, ti garantiamo che ringrazierai te stesso e sarai molto contento.

Se la situzione macroeconomica cambia: adeguati

Forse hai alcune azioni di cui vuoi sbarazzarti, ma non hai voluto pagare le tasse sulle plusvalenze.

Una recessione potrebbe essere il momento di generare alcune minusvalenze per sbarazzarti di azioni che sono destinate a sprofondare.

Anche Warren Buffett nel crollo d’ inizio 2020 ha seguito questa tattica per disfarsi delle azioni delle compagnie aeree di cui non credeva più.

Ricordati del tuo piano finanziario

Se stai provando dolore durante un crollo del mercato azionario, fermati un attimo e ricorda il tuo piano finanzairo.

Creare un piano di investimento può essere uno dei modi migliori per aiutarti a rimanere in carreggiata, anche quando le cose sembrano andare a scatascio.

Non abbandonare mai i tuoi piani e obiettivi finanziri. Il tuo piano era solido quando ce l’hai fatta e probabilmente lo è ancora.

Questo che ti abbiamo detto è particolarmente vero se disponi di una strategia di asset allocation creata in base alla tua tolleranza al rischio.

Non prendere mai decisioni che vanno a distruggere il tuo piano finanziario e i tuoi obiettivi di vita.

Evita di decidere quando hai paura: soprattutto durante un crollo delle borse.

La paura offusca la tua capacitò di ragionare, infatti la cosa peggiore che puoi fare è prendere una decisione veloce basata sulla paura del momento.

Rimanere calmi durante un crollo del mercato azionario richiede un po’ di autocontrollo.

Cerca di valutare perché ti senti in un certo modo e di riconoscere i tuoi sentimenti. A tal proposito ti consigliamo di studiare la dottrina della crescita personale, puoi iniziare andando a leggere i nostri articoli su: Roberto Re, Andrea Giuliodori e Robin Sharma.

Saper gestire e padroneggiare le proprie emozioni è qualcosa che richiede tempo ed energia, ma ne vale assolutamente la pena.

Anche nei momenti belli, prenditi un momento per riconoscere ciò che provi, identifica le ragioni che stanno dietro a queste senzazioni e sopratutto evita di prendere decisioni.

Quando ti trovi in una situzione in cui sei in uno stato emotivo molto intenso, non importa quale sia quell’emozione, evita di prendere decisioni importanti.

Per approfondire hce cosa fare durante una crollo delle azioni, ti suggeriamo fortemente di leggere i seguenti libri: