ETF DISTRIBUZIONE O ACCUMULAZIONE: LA SCELTA MIGLIORE

ETF DISTRIBUZIONE O ACCUMULAZIONE

Intimoriscili e prenditi i loro soldi.” (Big Luca)

Etf a distribuzione o ad accumulazione, questo è il primo pensiero che scaturisce nella mente di un investitore che ha deciso d’ iniziare ad investire in etf.

Subito ci si chiede quale sia la scelta migliore, credendo che ci sia una risposta precisa che sia uguale per tutti. Invece, come molte cose nella vita, anche nella scelta tra etf a distribuzione o ad accumulazione bisogna fare riferimento alla propria situazione personale e a quelli che sono i propri obiettivi.

Gli etf a distribuzione sono caratterizzati dal fatto di distibuire dei dividendi, con una cadenza che può essere: trimestrale, semestrale, annuale o addirittura mensile nel caso degli etf che distibuiscono dividendi mensili.

Il vantaggio degli etf a distribuzione è quello di generare delle entrate passive, sotto forma di dividendi, che possono intregrare il proprio reddito o addirittura permettere di vivere di rendita se si ha un capitale sufficientemente grande in grado di generare dividendi superiori al costo del proprio stile di vita.

Lo svantaggio degli etf a distribuzione è quello di pagare un 26% di tasse allo stato italiano sui dividendi che vengono elargiti dagli etf, questo problema della tassazione è invece brillantemente risolto dagli etf ad accumulazione.

Infatti gli etf ad accumulazione non distribuiscono dividendi e vanno a reinvestire i dividendi all’ interno degli stessi etf senza ad andare a incorrere nella tanto tamuta tassazione del 26% sui dividendi.

Di conseguenza, nel lungo termine e a parità d’ indice replicato, un etf ad accumulazione avrà un risultato molto migliore rispetto a un etf a distribuzione. Questo perchè il 26% di tassazione sui dividendi viene reinvestito automaticamente all’ interno dell’ etf ad accumulazione.

Ovviamente però gli etf ad accumulazione hanno anche uno svantaggio, cioè quello di non generare entrate passive sotto forma di dividendi. Questa cosa può essere un grande limite per tutti coloro che necessitano dei dividendi per integrare il proprio reddito o per poter vivere di rendita.

In conclusione non esiste una risposta uguale per tutti.

Per alcuni che magari hanno pochi soldi da investire e che non necessitano di un reddito aggiuntivo sotto forma di dividendi, la soluzione migliore sarà sicuramente quella d’ investire in un etf ad accumulazione.

Per altri invece, che magari hanno un capitale sufficientemente grande in grado di poter generare dividendi per vivere di rendita, la soluzione migliore sarebbe quella d’ investire in un etf a distribuzione.

Per approfondire l’ argomento degli etf a distribuzione e ad accumulazione, ti consigliamo fortemente di leggere attentamente i seguenti libri: