ROBERT KIYOSAKI

“I vincenti non hanno paura di perdere. Il fallimento è parte del processo che porta al successo. Le persone che evitano il fallimento, evitano anche il successo.” (Robert Kiyosaki)

Robert Kiyosaki, nato nelle Isole delle Hawaii nel 1947, è un autore e imprenditore di successo.

Robert Kiyosaki ha dovuto affrontare molte sfide nella sua vita: la guerra in Vietnam, il fallimento della sua prima società che lo portò a perdere tutto e a vivere insieme a sua moglie Kim in una macchina per un paio di anni.

La svolta di Kiyosaki avviene nel 1985 con la fondazione della sua società di educazione finanziaria e con il successo del suo bestseller: “Padre ricco padre povero. Quello che i ricchi insegnano ai figli sul denaro“.

Un concetto molto importante di Kiyosaki è rappresentato dai quadranti del cashflow, questo modello è suddiviso in 4 quadranti:

  • Quadrante E: Sta per Employee, che significa dipendente. Questo è uno dei quadranti peggiori dove stare, infatti chi si trova qui vende tempo per soldi e si trova nella “Trappola del Topo”. Le persone che si trovano qui sono coloro che vogliono la sicurezza e per raggiungerla hanno abbandonato la libertà finanziaria.
  • Quadrante S: Sta per Small Business o Specialist, cioè i piccoli business o i lavoratori autonomi. Questo è, insieme al quadrante E, uno dei peggiori quadranti dove essere. Le persone che stanno qui sono generalmente gli specialisti, cioè i tecnici specializzati che non riescono a creare modelli di business sganciati dal proprio tempo.
  • Quadrante B: Sta per Big Business, cioè i grandi business o gli imprenditori che sono riusciti a sganciare il proprio tempo dalle proprie entrate. Questo è uno dei due quadranti in cui si dovrebbe stare. Da sottolineare è il fatto che Robert Kiyosaki, nel suo libro “I quadranti del cashflow. Guida per la libertà finanziaria“, suggerisce di iniziare nel Quadrante B prima di passare al Quadrante I. Da notare che una delle migliori tipologie di business, come Robert Kiyosaki ha scritto nel libro “Il business del  ventunesimo secolo“, è il Network Marketing.
  • Quadrante I: Sta per Investor, cioè investitore. Questo è uno dei quadranti migliori dove trovarsi. Le persone che si trovano in questo quadrante sono quelle che hanno raggiunto definitivamente la libertà finanziaria. La tipologia preferita di investimento secondo Kiyosaki è affittare immobili.

Uno delle idee più interessanti di Kiyosaki è la distinzione tra debiti buoni e debiti cattivi. Facciamo un esempio relativo al settore degli immobili:

  • il mutuo della casa dove si vive è un debito cattivo in quanto non genera flussi di cassa positivi, cioè non genera entrate;
  • invece un mutuo per un immobile affittato, il cui affitto è maggiore della rata del mutuo e delle spese dell’ immobile, è un debito buono in quanto genera un flusso di cassa positivo.

La considerazione che non tutti i debiti sono cattivi è una innovazione rispetto ai principali autori di finanza personale, come per esempio Dave Ramsey e Suze Orman.

Per approfondire il pensiero di Kiyosaki suggeriamo di leggere i seguenti libri:

Molto interessanti sono anche i libri che Kiyosaki ha scritto insieme a Donald Trump:

Di seguito elenchiamo alcune frasi di Robert Kiyosaki su cui riflettere:

  • Nella scuola ci insegnano che gli errori sono una cosa brutta e veniamo puniti quando li facciamo. Gli esseri umani sono programmati per imparare, noi impariamo quando facciamo gli errori. Impariamo quando cadiamo. Se non cadessimo mai a terra, non potremmo mai imparare a camminare.
  • Sei povero solo se ti arrendi. La cosa più importante è fare qualcosa. La maggior parte delle persone parla solamente e sogna di diventare ricchi.
  • Se sei il tipo di persona che non ha le palle, allora ti arrenderai ogni volta che la vita ti mette alla prova. Se sei quel tipo di persona, allora vivrai tutta la tua vita andando sul sicuro, facendo le cose sicure, risparmiandoti per qualcosa che non accadrà mai e morirai come un vecchio annoiato.
  • La mancanza di denaro è la causa di tutti i mali.
  • L’ asset più importante che abbiamo è la nostra mente. Se è allenata bene, può creare una ricchezza enorme in quello che sembra un istante.
  • Se capisci che tu sei il problema, allora puoi cambiare, imparare qualcosa e crescere più saggio. Non incolpare le altre persone dei tuoi problemi.
  • I dipendenti lavorano abbastanza duramente per non essere licenziati, e gli imprenditori pagano salari abbastanza alti così che i dipendenti non si licenzino.
  • Come ho già detto, vorrei che fosse semplice. Non lo è stato, ma non è neanche stato difficile. Ma senza una forte motivazione o un forte obiettivo, ogni cosa nella vita è difficile.
  • Sono preoccupato che troppe persone si preoccupino solo del denaro e non della loro ricchezza più grande, quest’ ultima è la loro istruzione.
  • L’ intelligenza risolve i problemi e genera denaro. Il denaro senza intelligenza finanziaria è denaro pronto a scomparire.
  • Il potere del “non posso”: La frase “non posso” rende le persone forti delle persone deboli, acceca le persone che possono vedere, intristisce le persone felici, fa diventare codarde le persone coraggiose, ruba la brillantezza al genio, fa pensare in modo povero le persone ricche.
  • Ci sono quelli che fanno accadere le cose, quelli che guardano accadere le cose e quelli che dicono “che cosa è successo”?
  • Quando accetti un lavoro da dipendente fai la cosa più grave di tutte: sacrifichi la tua libertà per uno stipendio. In altre parole, diventi un perdente.