PHILIP FISHER

“Se il lavoro è stato fatto correttamente quando si acquista un’ azione, allora il momento per vendere è quasi mai.”(Philip Fisher)

Philip Fisher è considerato il padre del Growth Investing, cioè di quella filosofia d’ investimento volta a cercare azioni in forte crescita e con un vantaggio competitivo.

Nato nel 1907, Fisher ha gettato le basi della teoria sugli investimenti che 50 anni dopo porterà allo sviluppo finanziario nella Silicon Valley. Fisher è anche uno dei punti di riferimento di Warren Buffett, che del padre del Growth Investing ha detto:

  • “La mia strategia d’ investimento è per il 15% Fisher e per l’ 85% Graham“.
  • “Dopo aver letto Common Stocks and Uncommon Profits ho contattato Phil Fisher…Quando l’ ho incontrato, sono rimasto impressionato dalla sua personalità e dalle sue idee. Una scrupolosa comprensione del business, unita dalle tecniche di Phil…permettono di fare investimenti intelligenti.”

Oltre al suo contributo teorico nel mondo degli investimenti, Fisher  nel 1931 iniziò la sua attività di consulenza finanziaria, lavoro che farà per tutta la sua vita.

Nonostante gli ottimi rendimenti conseguiti da Phil Fisher, suo figlio Kenneth Fisher riuscirà a conseguire risultati ancora più eccezionali.

Consigliamo di approfondire lo studio di Phil Fisher attraverso la lettura dei seguenti libri:

Per avere una idea più approfondita del pensiero di Fisher consigliamo di riflettere sulle seguenti frasi:

  • “Cos’è che questa azienda sta facendo che i suoi concorrenti non stanno già facendo?”
  • “ Anche agli inizi, trovare le migliori azioni e conservarle attraverso le fluttuazioni del mercato si è dimostrata una strategia molto più profittevole di cercare di comprare azioni economiche e rivenderle a un prezzo più alto.”
  • ” Io ho già formato le mie convinzioni, non confondete le mie idee con i fatti.”
  • “A meno che l’ azienda contenga persone capaci di convincere il pubblico della bontà dei propri prodotti, quest’ azienda non avrà mai il controllo del proprio destino.”
  • ” Nel mondo degli affari, eccellenti abilità manageriali sono complementari a un’ altra abilità che è molto diversa. Questa è l’ abilità di guardare in avanti e fare piani a lungo raggio in grado di produrre una grande crescita futura del business senza però correre eccessivi rischi finanziari che potrebbero causare un disastro. Molte aziende hanno managers che sono molto bravi a una di queste due abilità. Comunque, per ottenere un vero successo, entrambe le abilità sono necessarie.”
  • ” Di solito una lunga lista di azioni non è un segno di un brillante investitore, ma di uno che è insicuro di se stesso.”
  • “Sfortunatamente, spesso c’ è molta confusione tra il comportarsi in modo prudente e il comportarsi in modo convenzionale.”