STEVE JOBS

“Sono convinto che circa la metà di ciò che separa gli imprenditori di successo da chi non ha successo sia solamente la perseveranza.” (Steve Jobs)

Nato a San Francisco nel 1955, Steve Jobs è probabilmente uno dei più grandi imprenditori e innovatori mai esistiti.

Personaggio eccentrico, dopo una giovinezza travagliata contrassegnata dall’ uso di droghe -specialmente Lsd-  e da una ricerca spirituale che lo portò ad interessarsi alle culture orientali, è diventato famoso per essere stato uno dei fondatori della Apple ( https://www.apple.com/it/ ) nel 1977.

Fu tra i primi a capire la potenzialità del personal computer, che grazie ai suoi sforzi divenne un prodotto di massa. Prima della Apple ci furono altre aziende che fecero dei prodotti analoghi al personal computer, tra di queste un ruolo fondamentale lo ebbe la Olivetti.

Si narra che la Olivetti, grazie ad alcuni suoi dirigenti illuminati tra cui Elserino Piol, fu a un passo dall’ acquisire azioni della Apple. Infatti Steve Jobs, con la mediazione di Elserino Piol, propose a Olivetti di acquisire il 20% della Apple per 200 mila dollari, ma De Benedetti-il dominus di Olivetti di allora- rifiutò…

Dopo il successo folgorante dei primi anni della Apple, Jobs venne cacciato dall’ azienda che lui stesso aveva fondato.

Jobs però non si arrese e fondò la NeXT Computer, quest’ azienda acquisì altre aziende tra cui la Pixar e grazie a questa acquisizione, ancora una volta ebbe un successo straordinario nel 1995 con un film: “Toy Story“.

Nel frattempo, la Apple era in ginocchio e gli alti dirigenti supplicarono a Jobs di tornare, a proposito di quei momenti Jobs disse: “Ero stato rifiutato e ferito dalla stessa azienda che avevo contribuito a fondare, quando mi chiesero di tornare la tentazione di rifiutare l’ offerta era alta. Ma ero ancora innamorato…” Nel 1996, dopo che la Apple acquisì NeXT, Jobs tornò al comando della Apple. Pochi anni dopo se ne uscì con quelle che  probabilmente sono le più grandi innovazioni del 21 secolo: l’ iPad e l’ iPhone.

Nel 2011, dopo una vita incredibile che è passata dalla controcultura Hippy degli anni 70 fino alla rivoluzione tecnologica che ancora oggi divampa, Steve Jobs muorì nella sua California. Da notare che la sua più grande eredità alla Apple, l’ IPhone, è responsabile di più dei due terzi del fatturato della “Mela”. Il successo della Apple è dimostrato in modo evidente dal successo del suo titolo azionario, i codice del titolo azionario Apple sono i seguenti: Apple Inc (AAPL), isin: US0378331005.

Alcune frasi su cui riflettere di Steve Jobs:

  • “L’innovazione distingue un leader da un follower.”
  • “A volte quando fai innovazione, fai degli errori. É meglio ammetterli velocemente, e continuare a migliorare altre tue innovazioni.”
  • “Il tuo lavoro riempirà gran parte della tua vita, e l’unico modo di essere davvero soddisfatto è di fare ciò che credi sia un buon lavoro. E l’unico modo di fare un buon lavoro è di amare ciò che fai. Se non l’hai ancora trovato, continua a cercare. Non stare fermo. Come capita con le questioni di cuore, saprai di aver trovato quello giusto non appena ce l’avrai davanti.”
  • “La tecnologia è nulla. Quello che è davvero importante è l’avere fede nelle persone, che loro siano sostanzialmente capaci e intelligenti, e che se gli fornisci degli strumenti, loro saranno in grado di fare cose fantastiche.”
  • “Non puoi semplicemente chiedere alle persone cosa vogliono e poi provare a darglielo. Nel tempo in cui riesci a costruirlo, loro già vorranno qualcosa di nuovo.”
  • “Il mio modello di business sono i Beatles: erano quattro ragazzi che tenevano reciprocamente sotto controllo le proprie tendenze negative. Si bilanciavano tra loro. E il risultato era più grandioso della somma delle parti. Questo per me è il business. Le grandi cose nel business non vengono mai fatte da una sola persona. Sono fatte da un team di persone.”
  • “È stato uno dei miei mantra, il concentrarsi su una cosa e la semplicità. La semplicità può essere più difficile di qualcosa di complesso: devi lavorare duro per ripulire il tuo pensiero e renderlo semplice. Ma alla fine paga, perché una volta che ci riesci puoi spostare le montagne.”
  • “Le cose non devono per forza cambiare il mondo per essere importanti.”
  • “Le mie cose preferite nella vita non costano del denaro. Mi è veramente chiaro che la risorsa più preziosa che abbiamo è il tempo.”
  • “Nessuno vuole morire. Anche le persone che vogliono andare in paradiso non vogliono morire per andarci. Ma la morte è e l’unica sorte che condividiamo. Nessuno gli è mai sfuggito. Ed è come dev’essere, perché la morte è molto probabilmente la più grande invenzione della vita. È l’agente di cambiamento della vita. Spazza via le cose vecchie per far spazio alle nuove.”
  • “Ricordarsi che moriremo è il miglior modo che conosco per evitare la trappola di pensare di avere qualcosa da perdere. Siete già nudi. Non c’è nessuna ragione per non seguire il proprio cuore.”
  • “Non si può unire i puntini guardando al futuro; si può solo connetterli guardando al passato. Si deve avere fiducia nel fatto che i puntini si connetteranno, in qualche modo, in futuro. Si deve avere fede in qualcosa – il proprio intuito, il destino, la vita, il karma, qualsiasi cosa. Questo approccio non mi ha mai deluso, e ha fatto tutta la differenza nella mia vita.”
  • Il vostro tempo è limitato, quindi non sprecatelo vivendo la vita di qualcun altro. Non lasciatevi intrappolare dai dogmi – che vi portano a vivere secondo il pensiero altrui. Non lasciate che il rumore delle opinioni degli altri soffochi la vostra voce interiore. E, ancora più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione. In qualche modo loro sanno cosa volete realmente diventare. Tutto il resto è secondario. Siate affamati. Siate folli.”